Seguici su

Bando Montagna 2020

Dalla Regione contributi a fondo perduto a giovani coppie e famiglie per chi acquista o ristruttura casa

Sostenere lo sviluppo e la crescita dei territori montani, promuovere il recupero del patrimonio edilizio montano e contrastare lo spopolamento dell’Appennino per costruirne su solide basi il rilancio economico e sociale. Sono questi in sintesi gli obiettivi del Bando montagna promosso dalla Regione nel 2020, che concede contributi a fondo perduto a giovani coppie e famiglie per chi acquista o ristruttura casa in uno dei 119 comuni appenninici dell’Emilia-Romagna.

Aperto il 15 settembre e chiuso il 30 ottobre 2020 il bando prevede che l’intervento sia concluso entro 9 mesi (in caso di acquisto dell’immobile) o di 24 mesi (in caso di recupero, con fine dei lavori). Previsto per tutti i beneficiari del contributo - sia coloro che già vivono in montagna che quanti intendono trasferirsi - l’obbligo della residenza nel comune montano per almeno cinque anni, residenza che va comunque presa entro sei mesi dalla sottoscrizione dell’atto di acquisto o dalla data di ultimazione dei lavori di recupero.

Il bando ha previsto contributi a fondo perduto da un minimo di 10 mila euro, a un massimo di 30 mila euro e comunque non superiori al 50% delle spese sostenute in caso di acquisto dell'immobile e, in caso di ristrutturazione, al 50% dell’importo lavori e alla somma non portata in detrazione fiscale.

Destinatari: nuclei famigliari in cui almeno uno dei componenti (ad esclusione dei figli) sia nato dopo il 1^ gennaio 1980 (età massima 40 anni) e abbia la residenza anagrafica in Emilia-Romagna o comunque svolga un’attività lavorativa esclusiva o principale nel territorio regionale. Tra i requisiti anche l’Isee inferiore a 50mila euro se relativo a un nucleo già formato, e fino a 60 mila per nuclei da formare.

   

  

A che punto siamo

I 341 beneficiari ammessi a contributo nella prima tranche, a partire dalle ore 13 di martedì 23 febbraio 2021, possono presentare online la rendicontazione delle spese sostenute e richiedere la liquidazione del contributo concesso. 

Questi stessi soggetti riceveranno la notizia dell’avvio della Fase 2 anche tramite posta elettronica all'indirizzo comunicato in fase di presentazione della domanda.  

All’applicativo informatico potrà accedere, con le proprie credenziali, esclusivamente lo stesso beneficiario che ha già effettuato l’accesso alla Fase 1.

Con delibera di Giunta regionale n. 1258 del 2 agosto 2021 (pdf247.01 KB)è stato prorogato al 26 ottobre 2021 il termine per la stipula dei rogiti (inizialmente fissato al 27 agosto 2021). 

Per i 346 ammessi a contributo con la seconda tranche, la pubblicazione sul sito web politiche abitative ha valore di comunicazione e notifica agli interessati. Ai 346 beneficiari ammessi sarà data comunicazione, all’e-mail indicata in fase di registrazione della domanda, dell'apertura della seconda fase, nella quale sarà possibile collegarsi all’applicativo informatico per presentare la rendicontazione delle spese sostenute (acquisto/recupero o mix delle due) e quindi per richiedere la liquidazione del contributo.

Fissati nuovi termini di scadenza entro i quali I beneficiari dovranno procedere all’acquisto o al recupero dell’alloggio: 19/1/2022 (acquisto) e 19/4/2023 (recupero), entrambe le scadenze (mix acquisto + recupero).

Per eventuali informazioni è attiva la casella di posta elettronica bandomontagna@regione.emilia-romagna.it, alla quale è possibile inviare mail con richieste di informazioni e/o chiarimenti.

Tutte le informazioni di dettaglio sono disponibili all’interno della pagina di approfondimento sul sito Politiche abitative della Regione.

 

Documentazione

      

Interventi dell'assessora Barbara Lori

Il bando montagna 2020 in cifre: prima tranche di contributi

 

Il bando montagna in cifre: seconda tranche di contributi

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/12/01 11:47:00 GMT+1 ultima modifica 2021-08-03T10:12:21+01:00

Valuta sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina