Oggi si celebra la giornata mondiale delle api

Dal 20 al 24 maggio una serie di giornate dedicate alla natura

Si apre con la giornata dedicata alle api un’ideale Settimana della Natura che vede la nostra biodiversità e il nostro ambiente protagonisti. Una Settimana ancora più importante, quest’anno, dopo  l’inserimento della tutela dell’ambiente nella nostra Costituzione che il ministero della Transizione ecologica vuole ricordare per accendere i riflettori sul nostro inestimabile patrimonio, da tutelare e  valorizzare.   

Si inizia oggi con la Giornata mondiale delle api, celebrata per aumentare la consapevolezza dell’importanza degli insetti impollinatori, delle minacce che affrontano e del loro contributo allo sviluppo sostenibile.

La celebrazione di questa Giornata ha diversi obiettivi:

  • attirare l'attenzione della popolazione mondiale e dei politici sull'importanza della protezione delle api
  • ricordare che l'umanità dipende dalle api e da altri impollinatori
  • proteggere le api ed altri impollinatori per contribuire in modo significativo alla soluzione dei problemi legati all'approvvigionamento alimentare globale e per eliminare la fame nei paesi sviluppati
  • fermare la perdita di biodiversità ed il degrado degli ecosistemi in modo da contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile

Sabato 21 maggio ricorre la “Giornata europea della Rete Natura 2000”, la più grande rete di aree protette al mondo, costituita da circa  27.000 siti terrestri e marini, che coprono oltre il 18% delle aree  terrestri dell'Unione Europea e circa il 9% dei mari. Un sistema che svolge un ruolo essenziale nell’arrestare la perdita di biodiversità e  che quest’anno compie trent’anni: il 21 maggio 1992, l’Unione europea  approvò la direttiva Habitat e il programma Life, suo importante  strumento di attuazione.   

Anche la Giornata mondiale della biodiversità - domenica 22 maggio -  compie trent’anni: una data particolarmente importante per l’Italia che,  oltre a essere tra i Paesi europei con maggior ricchezza floristica e  faunistica, è caratterizzata da elevatissimi tassi di endemismo, cioè  dalla presenza di specie che vivono solo all’interno dei nostri confini  italiani. Il che comporta una grande responsabilità.  

Lunedì 23 maggio è la Giornata mondiale delle tartarughe, che  l’Italia tutela con decine di centri per il recupero e la riabilitazione  dislocati nelle aree marine protette e i centri dei Carabinieri del  CUFA e Biodiversità.     

Martedì 24 maggio, infine, si ricorda la Giornata europea dei parchi,  scrigni di biodiversità da riscoprire, anche in termini di turismo ed economia sostenibile: i 24 parchi nazionali italiani e le 29 Aree marine  protette omogeneamente dislocate su tutto il territorio nazionale, che ricoprono circa 228 mila ettari di mare e circa 700 chilometri di costa,  sono scrigni di biodiversità rappresentando un “modello integrato di  sviluppo” che, seppure ancora implementabile, costituisce già l’esempio  tangibile di “buone pratiche”, motore primario per il conseguimento di  benessere sociale e di opportunità di sviluppo locale durevole e  sostenibile.

Azioni sul documento

pubblicato il 2022/05/20 11:54:36 GMT+2 ultima modifica 2022-05-20T11:54:36+02:00

Valuta sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina