Sviluppo delle Aree interne

Sviluppo delle Aree interne

intro

La Regione Emilia-Romagna è impegnata nel ridurre gli squilibri regionali tra aree interne e aree urbane, promuovendo a questo scopo investimenti e azioni di sistema che consentano di rimuovere gli ostacoli strutturali alla crescita di questi territori marginali e di investire sulle loro potenzialità.

Le aree interne sono parti del territorio che subiscono gli effetti del calo o dell’invecchiamento della popolazione, dove la debolezza delle prospettive di sviluppo determina una sempre maggiore difficoltà delle condizioni di vita dei cittadini che vi risiedono.

Per supportare questi territori l'Italia ha adottato la Strategia nazionale per le aree interne (SNAI), che, insieme alle politiche per le città, è una delle due grandi politiche territoriali promosse dal Governo nel ciclo di programmazione 2014-2020. Questa strategia è nata per contrastare la caduta demografica e rilanciare lo sviluppo e i servizi di queste aree stanziando fondi attraverso le leggi di bilancio nazionali, a cui si aggiungono fondi delle Regioni provenienti dai programmi regionali finanziati dai fondi europei.

In Emilia-Romagna, la Strategia nazionale per le aree interne si coniuga con le altre politiche territoriali in atto in regione e in particolare con la strategia di sviluppo rurale e la politica di sviluppo per la montagna.

Le principali azioni della Regione Emilia-Romagna in merito alle aree interne consistono:

La Regione ha scelto inoltre di investire ulteriori risorse sulle aree interne, con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita delle persone, rafforzare la base produttiva e aumentare le opportunità di lavoro, finanziare percorsi di formazione e di orientamento al lavoro e misure di contrasto alla dispersione scolastica.

Le Aree interne in Emilia-Romagna

Nel quadro della Strategia nazionale per le aree interne, utilizzando un modello basato sulla distanza dall’offerta di servizi fondamentali, su indicatori di tipo demografico e su una diversificata batteria di indicatori economici, sociali e di capacità istituzionale, il Comitato tecnico nazionale per le aree interne (CTAI) ha elaborato una prima mappa delle aree interne italiane.

All’interno di questa mappa, la Regione Emilia-Romagna ha avviato un confronto con il CTAI per identificare le 4 aree candidabili e l’area pilota su cui attuare la sperimentazione: con la delibera n. 1111 del 2015 ha proposto una prima perimetrazione delle aree e, a conclusione di un percorso istruttorio e di analisi sul campo, con la delibera n. 473 del 2016, ha individuato le 4 aree interne effettivamente candidate alla sperimentazione della Strategia:

  • Appennino Emiliano
  • Basso Ferrarese
  • Appennino Piacentino-Parmense
  • Alta Valmarecchia

 

menù

A chi rivolgersi

Servizio coordinamento delle politiche europee, programmazione, cooperazione, valutazione

Responsabile: Caterina Brancaleoni

Viale Aldo Moro n. 30 - 40127 Bologna
Telefono: 051 527 8901 | 051 527 3614
Fax: 051 4689660

Email: programmiarea@regione.emilia-romagna.it
Email certificata: programmiarea@postacert.regione.emilia-romagna.it

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/04/20 11:45:46 GMT+2 ultima modifica 2021-04-23T13:11:12+02:00

Valuta sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina